Seguici:

TwitterFacebookGoogle+RSS

I Nostri Siti:

Video

Calendario Graffiti

luglio: 2016
L M M G V S D
« gen    
 123
45678910
11121314151617
18192021222324
25262728293031

WP Cumulus Flash tag cloud by Roy Tanck requires Flash Player 9 or better.

NEWS GRAFFITIPHOTOBLOG

Enzo Camerino – 158509

 

Intervista Documentario a Enzo Camerino, sopravvissuto al campo di sterminio di Buchenwald.

Fotografie: Gianni Pinnizzotto
Montaggio e Musica Originale: Emiliano Pinnizzotto

Graffiti

Yakub – Diario di un Rifugiato di Marco Casini

Yakub -- Diario di un rifugiato

Questa è la storia di Yakub del Darfur
che, come tanti altri, arriva in Italia in fuga dal suo paese in
guerra.
Nelle sue riflessioni, un bilancio amaro sulla sua esperienza:
dalle sue considerazioni
emergono le machevolezze di un sistema di
accoglienza non ancora del tutto in grado di offrire, al pari di altri
paesi europei,
adeguati mezzi di integrazione, a chi ottiene asilo nel
nostro paese.

La Vita che Accade di Tina Di Benedetto

La vita che accade – di TINA DI BENEDETTO

Eugenio Scenna e Maria Kampus.

Due persone diverse, due vite ed esperienze profondamente differenti, un unico male: la sclerosi multipla.

“La vita che accade” è un reportage dedicato alla difficoltà di vivere e convivere, giorno dopo giorno, con una malattia imprevedibile ed invalidante, ma anche un racconto che vuole trasmettere grande forza d’animo e desiderio di non abbattersi mai.

*

*

Tina di Benedetto

[img alt="" src="http://www.graffitiphoto.it/graffitiphotoblog/wp-content/flagallery/tina-di-benedetto/thumbs/thumbs_020_025_a_mg_6195-w-copia_low.jpg"]
[img alt="" src="http://www.graffitiphoto.it/graffitiphotoblog/wp-content/flagallery/tina-di-benedetto/thumbs/thumbs_001_001_mg_9683-w.jpg"]
[img alt="" src="http://www.graffitiphoto.it/graffitiphotoblog/wp-content/flagallery/tina-di-benedetto/thumbs/thumbs_002_002_b_mg_0086-w-copia_low.jpg"]
[img alt="" src="http://www.graffitiphoto.it/graffitiphotoblog/wp-content/flagallery/tina-di-benedetto/thumbs/thumbs_003_003_b_mg_6237-w-copia_low.jpg"]
[img alt="" src="http://www.graffitiphoto.it/graffitiphotoblog/wp-content/flagallery/tina-di-benedetto/thumbs/thumbs_004_004_b_mg_6249-w-copia_low.jpg"]
[img alt="" src="http://www.graffitiphoto.it/graffitiphotoblog/wp-content/flagallery/tina-di-benedetto/thumbs/thumbs_005_005_b_mg_6261-w-copia_low.jpg"]
[img alt="" src="http://www.graffitiphoto.it/graffitiphotoblog/wp-content/flagallery/tina-di-benedetto/thumbs/thumbs_006_006_b_mg_6355-btc_low-cr.jpg"]
[img alt="" src="http://www.graffitiphoto.it/graffitiphotoblog/wp-content/flagallery/tina-di-benedetto/thumbs/thumbs_007_007_b_mg_0060-cr.jpg"]
[img alt="" src="http://www.graffitiphoto.it/graffitiphotoblog/wp-content/flagallery/tina-di-benedetto/thumbs/thumbs_008_008_b_mg_0013-w-copia_low.jpg"]
[img alt="" src="http://www.graffitiphoto.it/graffitiphotoblog/wp-content/flagallery/tina-di-benedetto/thumbs/thumbs_009_009_b_mg_6276-w-copia_low.jpg"]
[img alt="" src="http://www.graffitiphoto.it/graffitiphotoblog/wp-content/flagallery/tina-di-benedetto/thumbs/thumbs_010_010_b_mg_6279-w-copia_low.jpg"]
[img alt="" src="http://www.graffitiphoto.it/graffitiphotoblog/wp-content/flagallery/tina-di-benedetto/thumbs/thumbs_011_011_b_mg_6321-w.jpg"]
[img alt="" src="http://www.graffitiphoto.it/graffitiphotoblog/wp-content/flagallery/tina-di-benedetto/thumbs/thumbs_012_012_b_mg_0065-w-copia_low.jpg"]
[img alt="" src="http://www.graffitiphoto.it/graffitiphotoblog/wp-content/flagallery/tina-di-benedetto/thumbs/thumbs_013_013_b_mg_0066-w-copia_low.jpg"]
[img alt="" src="http://www.graffitiphoto.it/graffitiphotoblog/wp-content/flagallery/tina-di-benedetto/thumbs/thumbs_014_014_mg_0032-w.jpg"]
[img alt="" src="http://www.graffitiphoto.it/graffitiphotoblog/wp-content/flagallery/tina-di-benedetto/thumbs/thumbs_015_015_b_mg_9988-btc_low.jpg"]
[img alt="" src="http://www.graffitiphoto.it/graffitiphotoblog/wp-content/flagallery/tina-di-benedetto/thumbs/thumbs_016_016__mg_6330-w.jpg"]
[img alt="" src="http://www.graffitiphoto.it/graffitiphotoblog/wp-content/flagallery/tina-di-benedetto/thumbs/thumbs_017_017_a_mg_6177-w-copia_low.jpg"]
[img alt="" src="http://www.graffitiphoto.it/graffitiphotoblog/wp-content/flagallery/tina-di-benedetto/thumbs/thumbs_018_024_a_mg_6185-w-copia_low.jpg"]
[img alt="" src="http://www.graffitiphoto.it/graffitiphotoblog/wp-content/flagallery/tina-di-benedetto/thumbs/thumbs_019_022_a_mg_0120-w-copia_low.jpg"]
[img alt="" src="http://www.graffitiphoto.it/graffitiphotoblog/wp-content/flagallery/tina-di-benedetto/thumbs/thumbs_021_020_a_mg_6102-w-copia_low.jpg"]
[img alt="" src="http://www.graffitiphoto.it/graffitiphotoblog/wp-content/flagallery/tina-di-benedetto/thumbs/thumbs_022_026_a_mg_6198-w-copia_low.jpg"]
[img alt="" src="http://www.graffitiphoto.it/graffitiphotoblog/wp-content/flagallery/tina-di-benedetto/thumbs/thumbs_023_028_a_mg_0096-w-copia_low.jpg"]
[img alt="" src="http://www.graffitiphoto.it/graffitiphotoblog/wp-content/flagallery/tina-di-benedetto/thumbs/thumbs_024_018_a_mg_0164-w-copia_low.jpg"]
[img alt="" src="http://www.graffitiphoto.it/graffitiphotoblog/wp-content/flagallery/tina-di-benedetto/thumbs/thumbs_025_019_a_mg_0148-w-copia_low.jpg"]
[img alt="" src="http://www.graffitiphoto.it/graffitiphotoblog/wp-content/flagallery/tina-di-benedetto/thumbs/thumbs_026_021_a_mg_6139-w-copia_low.jpg"]
[img alt="" src="http://www.graffitiphoto.it/graffitiphotoblog/wp-content/flagallery/tina-di-benedetto/thumbs/thumbs_027_023_a_mg_6147-w-copia_low.jpg"]
[img alt="" src="http://www.graffitiphoto.it/graffitiphotoblog/wp-content/flagallery/tina-di-benedetto/thumbs/thumbs_028_027_a_mg_9233-btc_low.jpg"]
[img alt="" src="http://www.graffitiphoto.it/graffitiphotoblog/wp-content/flagallery/tina-di-benedetto/thumbs/thumbs_029_029_a_mg_9824-w-copia_low.jpg"]
[img alt="" src="http://www.graffitiphoto.it/graffitiphotoblog/wp-content/flagallery/tina-di-benedetto/thumbs/thumbs_030_030_a_mg_9842-w-copia_low.jpg"]
[img alt="" src="http://www.graffitiphoto.it/graffitiphotoblog/wp-content/flagallery/tina-di-benedetto/thumbs/thumbs_031_031_a_mg_6206-w-copia_low.jpg"]
[img alt="" src="http://www.graffitiphoto.it/graffitiphotoblog/wp-content/flagallery/tina-di-benedetto/thumbs/thumbs_032_032_a_mg_8349-bn.jpg"]
[img alt="" src="http://www.graffitiphoto.it/graffitiphotoblog/wp-content/flagallery/tina-di-benedetto/thumbs/thumbs_033_033_a_mg_6168-w-copia_low.jpg"]

 

 

IL PROGETTO

“La vita che accade” è un racconto che nasce quasi come una sfida: esporre una realtà, non conosciuta a molti, dagli occhi di chi quella malattia la “respira” ogni giorno, perché ce l’ha accanto. I reportage mirano sempre a testimoniare, denunciare, raccontare, informare gli altri di una determinata realtà o situazione.

In questo caso, questo lavoro nasce per provare ad affrontare da vicino una malattia, la sclerosi multipla, spesso inosservata a molti e che frequentemente, quando colpisce un tuo caro, finisci con il rifiutare, con il non accettare. Una malattia che influenza non solo la persona che ne viene colpita ma anche le persone vicine.

Per questo ho deciso di scontrarmi e, nello stesso tempo, di abbracciare la malattia di due persone, tra cui mia madre, per consentire agli altri di capire quanto la sofferenza per una patologia, psicologica o fisica che sia, possa invece fare da volano ad una grande dignità, forza e voglia di vivere.

Ma cos’è la sclerosi multipla?

La sclerosi multipla (SM) è una malattia dovuta all’infiammazione cronica e alla  distruzione selettiva della mielina del sistema nervoso centrale, ovvero della sostanza che riveste i nervi e che consente la trasmissione veloce degli impulsi.

Il numero dei malati di SM nel mondo è stimato a circa 2.500.000 mentre in Italia si contano circa 63.000 persone colpite.

Le cause sono ancora in parte sconosciute e, nonostante i passi avanti compiuti dalla ricerca, non esiste ancora una cura definitiva per la sclerosi multipla, malattia spesso progressivamente invalidante e, soprattutto, variabile da persona a persona.

Oggi però sono stati individuati diversi trattamenti che possono ridurre l’incidenza e la severità degli attacchi e, quindi, in grado di modificare favorevolmente il decorso in buona parte dei casi, consentendo alle persone affette da sclerosi multipla di condurre una vita per quanto possibile normale.